<>

Corso di formazione 2018

“VISITARE I CARCERATI”

Per volontari penitenziari dentro e fuori le carceri milanesi

 

Approfondisci

Leggi il programma

Libro “Accompagnare i condannati invisibili” a cura di Guido Chiaretti

Prenota la tua copia!

Recensione

Indice

 

DONA IL TUO 5 X 1000

A SESTA OPERA SAN FEDELE

C.F. : 80107670152

Mercoledì 5 dicembre l’Arcivescovo Delpini all’incontro su “Volontariato 2.0”

Carcere: mercoledì 5 dicembre l’Arcivescovo Delpini all’incontro su “Volontariato 2.0” (piazza S. Fedele, 4 – ore 17)
In occasione della digitalizzazione del n.1000 degli audiolibri della Biblioteca dei ciechi

 

Milano, 27 novembre 2018 – E’ stato digitalizzato il volume numero 1.000 degli audiolibri della Biblioteca di ciechi. L’operazione è avvenuta grazie all’attività di volontariato svolta dai detenuti del carcere di Opera (MI), che nelle scorse settimane hanno tagliato l’ammirevole traguardo. A dare riconoscimento pubblico all’attività dei detenuti di Bollate ed Opera, impegnati da alcuni anni nel progetto di digitalizzazione della biblioteca del Movimento Apostolico Ciechi (MAC),  sarà l’Arcivescovo di Milano, Mario Delpini, durante un incontro mercoledì 5 dicembre 2018 (ore 17) su  “Carcere e volontariato 2.0” che si terrà nelle sede di Sesta Opera San Fedele onluspiazza San Fedele 4 (Milano). Saranno presenti il Presidente dell’associazione di volontariato penitenziario, Guido Chiaretti, la Presidente del Tribunale di Sorveglianza, Giovanna Di Rosa, il Difensore regionale-Garante dei detenuti, Carlo Lio,  Silvio Di Gregorio, Direttore del carcere di Milano-Opera e la Vice direttrice di Bollate, Cosima Buccoliero, la Presidente del MAC, Laura Morelli.

La biblioteca del Movimento Apostolico Ciechi (MAC) consta di 7000-8000 opere, ciascuna registrata su 5-10 cassette che ormai nessuno è in grado di utilizzare. Questo patrimonio rischiava di essere perduto per mancanza di riproduttori di cassette, ormai scomparsi dal mercato.

Da qualche anno, sulla base di un accordo tra Sesta Opera, MAC e direzioni degli istituti penitenziari di Opera e Bollate, i detenuti si sono dedicati a convertire gratuitamente le vecchie cassette in CD. Oggi oltre 1000 opere sono state convertite ad Opera e oltre 700 a Bollate.