<>

Libro “Accompagnare i condannati invisibili” a cura di Guido Chiaretti

Recensione

Prenota la tua copia!

Cena solidale per Sesta Opera San Fedele

Grazie di cuore per la splendida partecipazione.

ARRIVEDERCI ALLA PROSSIMA CENA!

Senza titolo

Sesta Opera è attiva nello sviluppo e diffusione di una cultura della giustizia inclusiva.

Riserviamo grande attenzione alla formazione dei volontari, progettando e gestendo specifici percorsi formativi che per metodologie, temi, livello dei formatori ed esperti, garantiscono l’aggiornamento costante dei soci operativi e la formazione di nuovi volontari.

Siamo impegnati nello studio, nella ricerca, il dibattito e l’aggiornamento culturale sui temi dell’assistenza carceraria e post-carceraria, anche allo scopo di:

  • Proporre la formulazione di nuove norme legislative in materia carceraria.
  • Costruire una maggiore attenzione dell’opinione pubblica verso la realtà della detenzione.
  • Sensibilizzare intorno ai problemi che la detenzione crea a tutte le persone coinvolte.

I nostri rappresentanti partecipano a congressi, seminari, presentazione di libri, e in generale in tutti gli incontri nei quali si dibattono i problemi inerenti alla tematica carceraria.

Corso di formazione. Leggi il programma

 

Quando Dio chiese a Caino dove fosse Abele, Caino rispose irato con un’altra domanda: «Sono forse io il custode di mio fratello?». […]
Emmanuel Lévinas, commenta: quella rabbiosa domanda di Caino è all’origine di ogni immoralità. Naturalmente io sono il custode di mio fratello, e sono e rimango un essere morale fintanto che non pretendo una ragione particolare  per esserlo.
Che lo ammetta o no, io sono il custode di mio fratello in quanto il benessere di mio fratello dipende da quello che faccio o mi astengo dal fare. E sono un essere morale perché riconosco quella dipendenza e accetto la responsabilità che ne consegue. Nel momento in cui metto in dubbio quella dipendenza e chiedo come Caino che mi si dica per quale ragione dovrei curarmene, abdico alla mia responsabilità e non sono più un soggetto morale.
La dipendenza di mio fratello è quello che mi rende un essere etico; dipendenza ed etica si reggono insieme e insieme vanno a picco.

(Zygmunt Bauman)