<>

REGALI SOLIDALI

Cosa ti piacerebbe ricevere se fossi tu in libertà ristretta?

Scopri tutte le proposte solidali per sostenere Sesta Opera

DONA IL 5X1000

Contiamo su di te

C.F. : 80107670152

“Accompagnare i condannati invisibili”

Libro a cura di Guido Chiaretti

Recensione

Indice

 

Webinar sul carcere con Jesuiti Social Network

Si è svolto ieri, 2 luglio 2020, il primo incontro sulla Detenzione che ha dato l’avvio al percorso di approfondimento che coinvolgerà tutti gli enti del JSN nei diversi ambiti di azione.
Hanno partecipato oltre a Sesta Opera San Fedele, Il Poggeschi per il carcere (Bologna), il Centro Astalli Catania Fe y Alegria Roma CVX Reggio Calabria Fondazione Emmanuel (Lecce) e Centro Astalli Palermo.
È emerso uno stile comune nell’essere presenti in una realtà molto difficile come il carcere e che accompagna chi ha commesso un reato, dalla detenzione fino al reinserimento nella società.

Comunicazione ai sensi della Legge n.124 del 04.08.2017 relativamente ai contributi Ricevuti da Ente Pubblico

n.              DATA DI INCASSO                               SOGGETTO EROGANTE                            IMPORTO                    CAUSALE
1                  12.04.2018                                                    Fondazione Teatro Alla Scala                            € 20.000                    vendita biglietti
di Milano
2                  9.05.2018                                                     CO.GE Lombardia*                                              € 20.602                   progettazione sociale,

bando Volontariato 2018

3                   25.07.2018                                                 Consiglio Regionale Lombardo                          € 1.856,56                    assegnazione contributo fondo soliderietà
* contributo erogato da Fondazione Cariplo e Regione Lombardia

Milano – Presentazione del libro “Ringrazio che siamo vivi. Giovani stranieri in carcere” di Doriano Saracino

“Ringrazio che siamo vivi”, a dispetto del sottotitolo “Giovani stranieri in carcere”, non è un libro che parla (soltanto) di storie di integrazione fallita, ma ci porta ad attraversare la nostra società vista con gli occhi di chi, straniero, l’ha raggiunta ancora giovane o addirittura vi è nato.

Il filo conduttore del libro sono le voci dei giovani intervistati. Circa cento stranieri al di sotto dei trent’anni, incontrati in dieci carceri tra Liguria, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna e Toscana, scelte tra quelle con la maggior presenza di detenuti non italiani. L’autore sceglie di riportare per intero o quasi molte storie. Ciò risponde ad una duplice esigenza: da una parte non considerare i detenuti intervistati solo come oggetto di ricerca ma come soggetti da rispettare e a cui restituire voce, dall’altra costruire una sociologia aperta, che consenta al lettore e allo studioso di trarre conclusioni diverse a partire dalla lettura dei testi e dall’incontro, ancorché mediato, con la realtà dei detenuti stranieri. Saracino riesce così, attraverso queste voci, a farci leggere nelle pieghe della nostra società, vista attraverso la “realtà rovesciata” del carcere, così come la definisce Andrea Riccardi nella sua prefazione. Allontanandosi un poco, ma in realtà avvicinandosi a questi giovani, è possibile capire qualcosa di più di noi stessi e della città in cui viviamo.

Giovedì 23 novembre – ore 19.30, CASA DEI DIRITTI, Via De Amicis 10, Milano

1°DICEMBRE 2017 – A cena con Sesta Opera San Fedele

Il giorno 1°dicembre 2017 alle ore 20 la Sesta Opera San Fedele ha organizzato una cena nel ristorante “Osteria Antichi Maestri “, Piazza Vesuvio 15, Milano.

Questa serata ha lo scopo di far conoscere l’Associazione e di raccogliere donazioni per le attività portate avanti quotidianamente.

Una location speciale …

Osteria Antichi Maestri, un progetto di reintegrazione sociale: vai al link per la descrizione completa, con le parole del Direttore del Carcere di Bollate, dott. Massimo Parisi

Per avere maggiori informazioni e prenotare il tuo posto, chiamaci allo 02/86352254 (tutte le mattine dalle 9.30 alle 12.30) o scrivici a: sestaopera@gesuiti.it

 

DESTINA IL TUO 5X1000 all’Associazione Sesta Opera San Fedele

Perché occorre aiutare chi sta pagando il suo debito con la giustizia? Buonismo? Eccesso di generosità ed altruismo? La detenzione, come stabilisce la nostra carta costituzionale (articolo 27) deve tendere alla rieducazione del condannato per poi inserire la persona nella vita ordinaria. Non basta passare del tempo rinchiuso per aggiustare i conti con il proprio passato, le vittime dei propri reati, la società.

Chi entra in carcere, vi può capitare certo anche per errori personali; alle spalle, spesso, storie famigliari complicate, percorsi che d’improvviso da normali e regolari conoscono gli insuccessi scolastici, i fallimenti professionali, cambiamenti destabilizzanti. Non motivi giustificativi ma condizioni di vita da correggere, riparare, da cui soprattutto occorre saper ripartire. Chi sta fuori non ha modo di capire la delicata trama umana che vive tra le mura di un carcere.

Sesta Opera San Fedele, l’associazione di volontariato carcerario, da oltre 90 anni offre assistenza psicologica, sostegno materiale ai detenuti e alle famiglie, promuove attività culturali e propone momenti di riflessione spirituale ai detenuti, avviando anche progetti sperimentali ed esperienze-pilota in campo nazionale. Con i suoi 200 soci lavora all’interno dei tre principali istituti di pena milanesi (San Vittore, Opera, Bollate) oltre che al Centro di Prima Accoglienza per minori del Beccaria e nel reparto di medicina penitenziaria presso l’Ospedale San Paolo e il Centro d’ascolto presso il Centro San fedele. Una presenza importante e a volte insostituibile all’interno del fragile contesto istituzionale italiano, sempre più messo alle corde da interventi di risparmio della spesa pubblica. La sua mission ruota attorno alla dignità di ogni persona, creando le condizioni perché ci possa essere davvero un cambiamento di vita per chi sconta pene detentive, occupandosi anche dell’accompagnamento e dell’accoglienza, in strutture gestite direttamente o in regime di convenzione, di quanti beneficiano di misure alternative alla detenzione in carcere. Non solo visita i carcerati, ma veste gli ignudi (spesso i detenuti mancano dei più necessari capi di abbigliamento intimo), consola gli afflitti, assiste i malati, accoglie i giovani, consiglia i dubbiosi, insegna agli ignoranti, ammonisce chi ha sbagliato. Avvia percorsi di riavvicinamento tra vittime e colpevoli, nell’ottica della giustizia riparativa.

Per sostenere le tante iniziative di Sesta Opera San Fedele ONLUS, puoi destinare il

5 per mille

dell’imposta IRPEF dovuta allo Stato. E’ sufficiente riportare nel modello per la dichiarazione dei redditi (CUD, 730, 740, ecc.) il Codice Fiscale dell’Associazione Sesta Opera San Fedele:80107670152 e apporre la propria firma nello spazio apposito.

Con il tuo passaparola, puoi anche aiutarci a sensibilizzare sui temi della riabilitazione, dell’inclusione sociale e della “giustizia riparativa”, coinvolgendo quante più persone nelle nostre iniziative. Perché, come ha detto Papa Francesco, in una recente intervista (la Repubblica, giovedì 13 aprile 2017) davanti a un carcerato si pone la domanda “Perchè lui è caduto e io no? E’ un mistero che mi avvicina a loro”.

#oltrelesbarre #personenuove #ricominciareliberi

 

Corso di formazione febbraio – marzo 2017

logo-sesta

Il corso sul Volontariato Penitenziario, che Sesta Opera organizza ogni anno in collaborazione con SEAC e Caritas Ambrosiana, è aperto a tutti coloro che desiderano impegnarsi in questo tipo di volontariato negli istituti milanesi: è aperto anche ai volontari già operativi altre associazioni di volontariato penitenziario.
Sarà strutturato in incontri di circa 3 ore ciascuno e termina con un colloquio individuale che orienta ciascun partecipante nell’individuare il percorso di volontariato più adatto.

CORSO DI FORMAZIONE 2017
febbraio: sabato 4, 11, 18 e 25
marzo: sabato 4

DOVE
Sala Matteo Ricci – Fondazione Culturale San Fedele – Piazza San Fedele, 4 – Milano

ORARIO
Gli incontri si tengono il sabato mattina.
Orario 9.00-12.30

CONTRIBUTO
Il contributo alle spese è di 40 euro per tutto il corso.

PER INFORMAZIONI
Tel. 02 86352.1
E-mail: sestaopera@gesuiti.it

 

PROGRAMMA Corso 2017

 

Spettacolo Teatrale “Caveman – L’ uomo delle caverne”, 18 marzo 2017

Sesta Opera San Fedele è lieta di ospitare, presso l’Auditorium San Fedele Milano, lo spettacolo teatrale “Caveman- l’uomo delle caverne”.

 

Lo scopo è quello di fare conoscere la Sesta Opera San Fedele e le attività di cui essa si occupa a favore del mondo carcerario e raccogliere fondi da destinare alle attività che essa svolge.

 

Continua in Italia il grande successo di “Caveman- l’uomo delle caverne”, il più famoso spettacolo sul rapporto di coppia a livello planetario. E’ in scena in 30 paesi, vanta più di 10 milioni di spettatori e una strada intitolata nella città di New York!

A conferma del successo dello spettacolo è in corso la sesta stagione italiana di Caveman “L’uomo delle Caverne”, l’esilarante one man show che con sguardo comico affronta uno dei temi più spinosi e drammatici dell’umanità: IL RAPPORTO TRA UOMINI E DONNE

Anche la versione italiana dello spettacolo punta al grande successo avuto a Broadway, dove Caveman, con 702 performance in due anni, è stato il monologo più longevo della storia, tanto che il sindaco Giuliani gli ha intitolato la 43° strada.

In Italia Caveman è arrivato nel 2008, dove l’adattamento e la traduzione – per volontà di Rob Becker, il creatore della versione originale – sono stati curati da Maurizio Colombi, il regista del record d’incassi Peter Pan – il Musical e del recente -We Will Rock You- il fortunato musical ispirato dalla musiche dei Queen.

Per info e prenotazioni: telefono 02/ 86352254 (tutte la mettine dalle ore 9.30 alle ore 12.30 ), e-mail: sestaopera@gesuiti.it

Ingresso libero con offerta obbligatoria fino ad esaurimento posti

Scarica la locandina qui

“FARE CON” (Formare, Accompagnare, REinserire CONdannati)

“FARE CON” (Formare, Accompagnare, REinserire CONdannati): l’obiettivo del progetto (finanziato in parte dalla Fondazione Nord Milano) è di offrire ad alcuni detenuti la possibilità di riscatto attraverso la disponibilità di un appartamento e di un lavoro. Il progetto è in partnership con Comuni Insieme e il Comune di Novate.

T.R.I.O. Tempo di Ricominciare Insieme e Oltre

T.R.I.O. Tempo di Ricominciare Insieme e Oltre (legge regionale 8/2005. Finanziato in parte dai Bandi ASL MI città – ASL MI 1 – ASL MI 2) in partnernariato con altre associazioni. Sesta Opera si occupa degli aspetti relativi all’housing sociale, all’accompagnamento sociale dei detenuti e allo Sportello informativo (SPIN)